Trovati 223 documenti.

10 X 10
0 0 0
Libri Moderni

10 X 10 : storie di donne fotografe / a cura di Nicolas Ballario

Milano : 24 ore cultura, 2022

Abstract: Dal successo della serie video, le vicende di 10 donne che hanno cambiato la storia della fotografia. A partire da un gruppo attentamente selezionato delle loro più fortunate e celebri immagini, impresse negli occhi e nelle emozioni di tutti noi, il libro racconta lo scorrere delle vicende delle grandi pioniere della fotografia del '900: da Dorothea Lange con i suoi scatti sull'America prostrata dalla Grande Depressione a Gerda Taro con la sua tragica, prematura fine nella guerra di Spagna, da Margaret Bourke-White, tra i primi fotografi a mettere piede nel lager di Buchenwald, a Claude Cahun, la cui opera è genialmente anticipatrice di tematiche dei nostri giorni come quelle legate al gender e all'identità sessuale. Vi sono poi autrici dedite a una propria originale ricerca, come Tina Modotti, divisa tra arte e impegno politico, e la versatile Imogen Cunningham, fino ad arrivare ai giorni nostri, con grandi artiste come Cindy Sherman e Vanessa Beecroft, che utilizzano la fotografia come medium privilegiato (per la Sherman esclusivo) di espressione del proprio mondo interiore e della propria ricerca espressiva.

Niente di antico sotto il sole
0 0 0
Libri Moderni

Ghirri, Luigi

Niente di antico sotto il sole : scritti e interviste, 1973-1991 / Luigi Ghirri ; introduzione di Francesco Zanot

Macerata : Quodlibet, 2021

Saggi ; 55

Abstract: Figura centrale nel panorama internazionale della fotografia del secondo Novecento, Luigi Ghirri non è stato soltanto un prolifico autore di immagini, ma anche critico, curatore, saggista e promotore di una nuova cultura fotografica che pone questo linguaggio al centro del dibattito dell'arte contemporanea. Nel volume che presentiamo sono raccolti tutti i saggi di Ghirri e una selezione di interviste rilasciate lungo l'intero arco della sua carriera. Si tratta di un fondamentale nucleo di testi che, realizzato tra il 1973 e il 1991, contribuisce in maniera sostanziale alla letteratura del settore in un momento di grandi cambiamenti e vivacissimo fermento intorno allo stesso mezzo fotografico. Di carattere alternativamente storico e tecnico, personale e teorico, dedicati al proprio lavoro e a quello di altri protagonisti italiani e internazionali della storia della fotografia, gli scritti di Ghirri sono apparsi originariamente su libri, cataloghi, riviste e quotidiani dell'epoca. Raccolti in un'unica pubblicazione, consentono di ripercorrere l'articolato intreccio tematico, concettuale e poetico che sta alle spalle dell'opera ghirriana, costituendo allo stesso tempo una complessa impresa di scavo sulla natura della fotografia.

Fotografare con l'iPhone
0 0 0
Libri Moderni

Kelby, Scott

Fotografare con l'iPhone : creare scatti da professionista usando lo smartphone / Scott Kelby

Milano : Apogeo, 2021

Abstract: La guida illustrata a ogni aspetto della fotografia, adatta a ogni livello ed esperienza. Unendo istruzioni pratiche a un forte impianto visuale, questo manuale accompagna in un percorso di apprendimento facile e divertente. Lo scopo è migliorare le abilità fotografiche partendo dalle basi. Il lettore impara come approcciarsi a un soggetto, ragionare l'inquadratura e la composizione, gestire le fasi dell'elaborazione dell'immagine migliorandola e correggendone i difetti in postproduzione. Un testo per tutti i fotografi a prescindere dal livello e dalla fotocamera utilizzata.

Food Photography
0 0 0
Libri Moderni

Lorenzetti, Mattia - Prosperi, Guido

Food Photography : comporre, scattare e pubblicare immagini irresistibili / Mattia Lorenzetti, Guido Prosperi

Milano : Apogeo, 2021

Abstract: Grazie all'impulso di social media come Instagram, la fotografia a tema "cibo" è diventata sempre più diffusa e apprezzata. Per scattare foto accattivanti, però, non è sufficiente inquadrare il piatto con lo smartphone. Servono strumenti, tecnica e competenza. Questa guida mostra come diventare un vero e proprio food photographer e creare scatti irresistibili. Si parte dalla scelta dell'attrezzatura più adatta e dalle nozioni di base su apertura, esposizione e illuminazione, per poi approfondire le tecniche di composizione e styling dell'immagine che consentono di valorizzare al meglio il soggetto, oltre ai modi per giocare con il colore e i trucchi per ottenere foto ancora più d'impatto ed efficaci. Dopo aver appreso come affrontare la fase di post-produzione sia da desktop che da mobile, è infine il momento di pubblicare e condividere le immagini, senza dimenticare di mostrare al pubblico il lato più emozionale del cibo raccontando la storia dietro a ogni piatto. Arricchito da veri e propri tutorial di shooting, questo libro è per chi, per hobby o per lavoro, vuole conoscere il mondo della food photography.

La visibilità muta dell'oggetto
0 0 0
Libri Moderni

Scabar, Sergio

La visibilità muta dell'oggetto = The silent visibility of objects / Sergio Scabar ; mostra a cura di Giacomo Frullani e Federica Luser

Trieste : Trart, 2021

Abstract: Il mondo degli oggetti e la loro visibilità muta come li descriveva Alberto Savinio sono i protagonisti della "mise en scène" delle fotografie di Sergio Scabar. Alcune opere scelte dai cicli il cui titolo definisce la poetica del fotografo isontino: il teatro delle cose; il silenzio delle cose; velata luce del silenzio; soffio di luce; libri nell'ombra; oggetti silenti

Il corpo come opera d'arte
0 0 0
Libri Moderni

Schlegel, Jan C.

Il corpo come opera d'arte = The body as a form of art / Jan C, Schlegel ; mostra a cura di Giacomo Frullani e Federica Luser

Venezia : Trart, 2021

Abstract: Corpi. Unici, inimitabili, tatuati, scarificati o plasmati sono i soggetti per la serie di immagini esposte dal 26 novembre fino l’8 gennaio 2022 allo spazio d’arte trart nell’ambito del Festival Zeropixel. Fotografie tratte dai cicli Essence, Tribes of new generation e Muses a hommage on Auguste Rodin. Immagini di grande impatto e seduzione, tutte analogiche ai sali d’argento e al platino palladio, tecnica sofisticata, costosa ed elegantissima. L’autore è Jan C. Schlegel, fotografo tedesco, classe 1965 per la prima volta a Trieste. Ha viaggiato tantissimo Jan C. Schlegel, più di 60 nazioni visitate, spinto da una insaziabile curiosità verso usanze e tradizioni di genti africane e asiatiche soprattutto, e da un’ammirazione incondizionata per le loro tradizioni. Ha vissuto con loro imparando e facendo proprie usanze e credenze, tanto da essere in grado di fissarle in immagini di grande fascino, lucide, precise nel minimo dettaglio. Accanto all’esperienza “esotica” è affascinato dall’esperienza urbana occidentale che ha fatto propri questi segni distintivi traducendoli in un linguaggio diverso, altro, più estetico, che “di necessità”. Nasce così il ciclo Tribes of new generation. Donne e uomini sono ritratti impassibili e frontalmente, stessa posa, stesso fondo neutro di Essence, ma lo stupore è diverso. Quella sensazione di lontananza nello spazio e nel tempo, l’affascinante consapevolezza di uno stato aurorale – nel senso di origine – è totalmente alterata e trasformata nel suo valore “primo”. Se nei cicli Essence e Tribes of new generation il valore pittorico del segno sul corpo gli permette di creare un racconto e di porre degli interrogativi sull’ambiguità delle figure, nel ciclo Muses – a hommage on Auguste Rodin, Jan C. Schlegel gioca con i corpi femminili creando composizioni di una bellezza eterea e senza tempo. Qui entrano in ballo la fisicità e la plasticità delle forme. L’atmosfera è contemplativa. Segue con l’occhio i movimenti di quei corpi, intuisce i fremiti emotivi e scatta. L’armonia delle forme, unita a quella del movimento lento e sinuoso generano una tensione emotiva, un sentimento di appagamento e di piacere. Per questo ama Auguste Rodin, per questo fotografa le sue modelle su un piedistallo o le ambienta in un atelier tra gessi e abbozzi (immagini effettuate a San Pietroburgo e presentate a Trieste per la prima volta). La scelta del bianco e nero, il ritocco a pennello e la stampa al platino/palladio gli permettono di concentrare tutta la sua passione per quei corpi dalle forme perfette. Un procedimento lungo e costoso, ma estremamente efficace nella resa della luce e dei chiaroscuri. Ogni immagine stampata è il risultato di ore e ore di lavoro. E’ il prodotto del mestiere, inteso come valore artistico. Il fotografo non solo guarda, ma vede in profondità; scatta e poi crea l’immagine intervenendo direttamente sulla stampa con viraggi selettivi.

Mario Sillani Djerrahian
0 0 0
Libri Moderni

Mario Sillani Djerrahian / [catalogo a cura di Federica Luser]

Venezia : Trart, 2021

Abstract: Uno sguardo sull'opera di Mario Sillani Djerrahian attraverso il procedere dei cicli creati dalla fine degli anni '70 ad oggi, il trasformarsi e progredire del suo pensiero e insieme un'introduzione a quanto ancora verrà.

Voglio proprio vedere
0 0 0
Libri Moderni

Smargiassi, Michele

Voglio proprio vedere : interviste impossibili ma non improbabili ai grandi fotografi : Nadar, Eugène Atget, Tina Modotti, Robert Capa, Vivian Maier, W. Eugene Smith / Michele Smargiassi

Roma : Contrasto, 2021

Abstract: Incontri straordinari con persone straordinarie. Il giornalista e scrittore Michele Smargiassi ha realizzato delle impossibili, ma plausibili, interviste a sei grandi fotografi del passato: Robert Capa, Nadar, Tina Modotti, Vivian Maier, Eugène Atget e W. Eugene Smith. "A tutti ho posto, in forme diverse, la stessa domanda: perché fotografate? Perché è giusto, bello, necessario, utile fotografare? O magari non lo è? Da ciascuno ho avuto una risposta diversa. Perché la fotografia non esiste: esistono le fotografie, ognuna diversa dall'altra. E alla fin fine, penso che tutte le fotografie condividano una medesima, forte, semplice spinta antropologica, morale, umana: la voglia di vedere il mondo e di condividere quella visione".

Wes Anderson, quasi per caso
0 0 0
Libri Moderni

Wes Anderson, quasi per caso / Wally Koval ; con la collaborazione di Amanda Koval ; prefazione di Wes Anderson ; ricerche e revisione a cura di Domenica Alioto ; traduzione di Andrea Libero Carbone

Milano : il Saggiatore, 2021

La Cultura ; 1500

Abstract: Vecchi fari a strisce rosse e bianche, casinò in legno ai piedi del Monte Bianco, hotel dai colori pastello, stazioni ferroviarie attraversate da treni a vapore, binocoli a gettone sul molo di un lago: abbiamo imparato che l'arte imita la realtà, ma in ogni angolo del pianeta appaiono edifici che sembrano usciti quasi per caso da un film di Wes Anderson. Questo libro è una raccolta di storie e luoghi «andersoniani» davvero esistenti e visitabili in tutta la loro simmetrica bellezza. Un invito alla scoperta e allo smarrimento, a guardare il mondo dal punto di vista del più romantico e agrodolce dei registi contemporanei.

Tina Modotti
0 0 0
Libri Moderni

Tina Modotti : donne, Messico e libertà

Milano : 24 ORE Cultura, 2021

Abstract: Tina Modotti (Udine 1896 - Città del Messico 1942) non è soltanto una delle più grandi fotografe del '900, ma un personaggio affascinante per le molte sfaccettature della sua personalità multiforme. Nata in una famiglia operaia friulana, raggiunge il padre emigrato negli Stati Uniti nel 1913; si trasferisce nel 1918 a Los Angeles, dove intraprende la carriera cinematografica, ma, nonostante il successo, insoddisfatta di come il cinema sfruttasse semplicemente il suo fascino esotico, abbandona presto Hollywood, dopo soli tre film, e, grazie all'incontro e alla relazione con Edward Weston, si dedica alla fotografia, trasferendosi con lui in Messico. La parabola di fotografa della Modotti dura un decennio, sufficiente a farne una stella di prima grandezza: concepisce quest'attività come strumento al servizio della società, impegnandosi contestualmente nel partito comunista messicano. Fotografa ufficiale dei muralisti, stringe amicizia con Diego Rivera e Frida Kahlo, con la quale intreccia anche una relazione. Espulsa dal Messico per il suo attivismo, nella seconda parte della sua vita Tina diventa un agente del partito comunista: sarà sia in Russia che sul fronte spagnolo durante la Guerra civile. La mostra al Mudec sarà un'occasione fondamentale di vedere riunite le più belle foto che hanno reso celebre la Modotti, accanto a preziosi materiali d'archivio e ad alcuni dei celebri ritratti che grandi fotografi come Weston le dedicarono, permettendo così di approfondire l'avventura umana, oltre che artistica di Tina.

Un paese
0 0 0
Libri Moderni

Zavattini, Cesare - Strand, Paul

Un paese / testo di Cesare Zavattini, fotografie di paul Strand

Torino : Einaudi, 2021

Frontiere Einaudi

Abstract: In pieno neorealismo, quando al cinema vengono proiettati i film di De Sica, Visconti e Rossellini, dall’incontro tra un grande fotografo e un grande scrittore e sceneggiatore nasce questo classico della «letteratura per immagini», reso unico dalla bellezza delle fotografie del maestro modernista Paul Strand e dall’approccio geniale di Zavattini ai testi di accompagnamento, che a distanza di mezzo secolo continuano ad affascinare il lettore e immergerlo senza retorica in un mondo contadino al tramonto. Pubblicato nel 1955 e ristampato da Alinari, ritorna finalmente disponibile nel catalogo Einaudi un grande classico, pietra miliare della fotografia e volume fino ad oggi introvabile: Un paese con le fotografie di Paul Strand e i testi di Cesare Zavattini.

Robert Doisneau
0 0 0
Libri Moderni

Robert Doisneau / a cura di = sous la direction de = edited by Gabriel Bauret

Cinisello Balsamo : Silvana, 2021

Abstract: Robert Doisneau (Gentilly, 1912 - Montrouge, 1994) è considerato uno dei padri fondatori della fotografia umanista francese e del fotogiornalismo di strada. Con il suo obbiettivo ha saputo cogliere la vita quotidiana degli uomini e delle donne che popolano Parigi e la sua banlieue, raccontando con tocco ironico e leggero ma anche con profonda umanità e partecipazione, la città e i suoi abitanti. Il volume raccoglie 130 stampe ai sali d'argento in bianco e nero, provenienti dall'Atelier Robert Doisneau a Montrouge, che ne custodisce l'archivio fotografico. Che si tratti di fotografie realizzate su commissione o frutto del suo girovagare liberamente per Parigi, si delinea attraverso questi scatti lo stile personale dell'artista, che mescola fascino e fantasia, ma anche una libertà d'espressione non lontana dal surrealismo. Sono immagini che catturano momenti di felicità quotidiana fra la gente comune - come il celebre Le Baiser de l'Hôtel de Ville, ovvero "Il bacio" - e in cui si mescolano tenerezza, talvolta velata da malinconia, ma anche note di umorismo, sempre presente nel suo lavoro.

Digital Nudes
0 0 0
Libri Moderni

Lynch, David <1946- >

Digital Nudes / David Lynch

Paris : Fondation Cartier pour l'art contemporain, 2021

Abstract: Experimenting with all forms of artistic creation, from painting to photography, from drawing to sound creation, David Lynch’s work appears to be the most protean of our time. In 2007, the Fondation Cartier pour l’art contemporain presented the exhibition-event The Air Is on Fire, which unveiled Lynch’s photographic and pictorial work. Nearly fifteen years later, the Fondation Cartier will publish Digital Nudes, an exceptional collection of the artist’s photographs dedicated to female nudes, as a follow-up to Nudes, published in 2017. Second installment of the Lynchian saga devoted to the photographic exploration of the female body, Digital Nudes brings together a corpus of previously unpublished digital images in line with the aesthetics of Nudes’ analog photographs, while experimenting with the possibilities offered by digital technology. Kaleidoscopic visions of legs, arms, or undefined curves, chiaroscuro portraits, photographs of varnished nails and lacquered mouths... So many examples of David Lynch’s treatment of one of the greatest artistic subjects, the female nude, which here becomes an ode to femininity, an invitation to contemplation and creative freedom.

Fotografia & Letteratura
0 0 0
Libri Moderni

Fotografia & Letteratura / Vincenzo Marzocchini

Verona : Aletheia Editore, 2021

Scatti del pensiero
0 0 0
Libri Moderni

Scatti del pensiero : la fotografia come problema filosofico / a cura di Marcello Walter Bruno, Giuseppe Cosenza e Caterina Martino

Milano ; Udine : Mimesis, 2021

Semiotica e filosofia del linguaggio ; 28

Abstract: La fotografia, tecnologia che sembra votata alla riproduzione della realtà materiale, è un possibile oggetto di studio per i filosofi? Dall’altro lato la filosofia, indagine preliminare su qualunque campo del ragionamento, è un passaggio obbligato per l’operatività dei fotografi in quanto artisti? In questo volume provano a rispondere una serie di studiosi italiani di varia provenienza disciplinare, a cui si aggiungono due figure sconfinanti: Georges Didi-Huberman, filosofo che ha impugnato la macchina fotografica per illustrare il suo libro Scorze; e Joan Fontcuberta, fotografo che alla sua attività artistica ha sempre unito la riflessione teorica sull’immagine digitale. Ne viene fuori un primo tracciato storico sulle suggestioni che la fotografia ha fornito al pensiero di alcuni grandi filosofi della modernità occidentale (fra cui Peirce, Saussure, Wittgenstein e Freud) ma anche sul debito che alcuni grandi fotografi del Novecento hanno contratto con la tradizione filosofica (ad esempio il legame tra Luigi Ghirri e Giordano Bruno). Un tentativo di contestare l’idea di Gunther Anders che “fotografare e filosofare sembrano escludersi a vicenda”.

Teatro e fotografia
0 0 0
Libri Moderni

Azzoni, Simone - Fedrigoli, Enrico

Teatro e fotografia : conversazioni con Enrico Fedrigoli / Simone Azzoni

Milano ; Udine : Mimesis, 2021

Sguardi e visioni. Cultura fotografica e territori dell'arte

Abstract: Il rapporto tra teatro e fotografia è un dialogo complesso. L'immagine scattata prima o durante lo spettacolo, non è solo registrazione o documentazione di un evento: spesso è parte del processo creativo, tassello di un mosaico costruito per simbiosi e reciproche traduzioni, mediazioni, composizioni. La fotografia di Enrico Fedrigoli da oltre trent'anni svela il lavoro di Fanny & Alexander, Teatro delle Albe, Motus e Masque. Il suo banco ottico è armonia di una perfezione compositiva che genera un dialogo fecondo tra corpi e architetture, scena e gesto, luce e buio. Il suo sguardo scolpisce l'immagine tra bagliori e apparizioni diventando scultura, pittura e teatro stesso.

Educazione mediale per la scuola primaria
0 0 0
Libri Moderni

Educazione mediale per la scuola primaria : [fotografia, fumetto, animazione e podcast] / a cura di Manlio Piva

Roma : Audino, 2021

Ricerche ; 47

Abstract: Oggi più che mai, con l'avvento delle tecnologie informatiche, i media influenzano le relazioni sociali e comunicative in forme complesse e molto spesso problematiche. Per questo è fondamentale che nelle scuole, fin dai primi anni, i media e i linguaggi mediali siano integrati in modo sistematico ed efficace nell'attività didattica. Questo libro, rivolto agli insegnanti della scuola primaria, in formazione e in servizio, si occupa di rispondere a tale esigenza. Scritto da un team di docenti e tutor che da anni si occupano di Educazione mediale nelle scuole e all'università, raccoglie proposte di attività che, nel loro impianto ludico, sfruttano il fascino che caratterizza il linguaggio di formati mediali quali il fumetto, la fotografia, il video d'animazione e il podcast. Insegnanti e allievi avranno così la possibilità di comprenderne i meccanismi di significazione e di utilizzarli a fini creativi, formativi, conoscitivi, di cittadinanza: in approfondimenti tematici, in percorsi interdisciplinari e nell'autoeducazione mediale nella vita di tutti i giorni.

Cinque viaggi
0 0 0
Libri Moderni

Guidi, Guido

Cinque viaggi : 1990-1998 / Guido Guidi

London : Mack, 2021

Abstract: Tra il 1990 e il 1998 Guido Guidi compì cinque viaggi a Milano e dintorni. Questo volume raccoglie le fotografie realizzate in quei luoghi, restituendoci un’indagine sulla città e le sue periferie in piena trasformazione economica e sociale. Mentre Guidi percorre il Naviglio dalla periferia verso il centro urbano, il suo linguaggio subisce dei mutamenti: da ampie vedute orizzontali a tagli verticali del tessuto urbano, dalla ripresa di interi edifici a portoni appena intravisti. Lungo la strada, troviamo anche delle persone: ragazzi riuniti in una scena pasoliniana, passanti che lavorano o si fermano a fumare per le strade della città. Individui disparati la cui cittadinanza indefinita sottolinea l’inarrestabile sviluppo urbano. Mentre i libri precedenti – ‘Per Strada’ (2018) e ‘Tra l’altro’ (2020) – hanno dimostrato il fascino dell’autore per i paesaggi rurali della sua regione natale, in ‘Cinque viaggi’ l’obiettivo è rivolto all’Italia urbana, nel tentativo di documentare i cambiamenti socio-economici. Queste 110 immagini in grande formato, molte delle quali inedite, rivelano gli strati di storia sociale e architettonica tra i quali si srotola la vita quotidiana. ‘Cinque viaggi’ offre un’immagine affascinante del recente passato dell’Italia e una sottile riflessione sul suo futuro. Include saggi di Corrado Benigni, Antonello Frongia e Roberta Valtorta.

Invisibile
0 0 0
Libri Moderni

Sartor, Nicola

Invisibile : fotografie = photographs 1977-2020 / Nicola Sartor

Venezia : Marsilio, 2021

Abstract: «Gli occhi sono aperti ma non vedono sempre. D'altronde non si vede solamente con gli occhi. Quando io scatto una foto, tutti i sensi si assomigliano. Più tardi è l'invisibile che resta.» La frase di Édouard Boubat ben riassume il lavoro di Nicola Sartor, che, per cercare di «rendere visibile l'invisibile» e cogliere l'attimo di ciò che davvero vede, sfrutta i momenti di ozio, in cui la mente è libera. È dunque negli attimi di creatività che nascono gli scatti racchiusi nel volume, raccolti in sezioni tematiche. Le oltre cento immagini a colori e in bianco e nero immortalano persone in pubblico, in particolar modo nei musei, paesaggi da tutto il mondo e geometrie di forme. Accompagnano le fotografie un testo di Denis Curti e un saggio di Flavio Gregori.

Vacation
0 0 0
Libri Moderni

Black, Judith

Vacation / Judith Black

London : Stanley/Barker, 2021

Abstract: Nel 1986, l’artista americana Judith Black è stata insignita di una Guggenheim Fellowship con l’intenzione di documentare un viaggio attraverso il paese con i suoi quattro figli. A differenza dell’iconico viaggio su strada di Robert Frank finanziato dal Guggenheim 30 anni prima, la missione di Black era molto più intima. Piuttosto che documentare l’America, la sua intenzione era di fotografare i suoi figli, i suoi amici e la sua famiglia mentre attraversava il paese. Il suo itinerario includeva soste a New York, Chicago, San Francisco e vari luoghi lungo il percorso. Durante il viaggio, Black ha visitato sua zia nella capanna del Michigan, dove da bambina Black e la sua famiglia andavano ogni agosto per evitare il brutale caldo estivo della sua città natale Springfield, nell’Illinois. Ironia della sorte, è stato lì all’età di sette anni che Black ha acquistato la sua prima fotocamera Brownie, mentre stava con sua nonna. Dopo essere tornato in Massachusetts, Black ha continuato a fotografare la famiglia e gli amici durante le vacanze, registrando varie celebrazioni, compleanni, riunioni e nascite. “Dolci ricordi e storie racchiusi in ogni fotografia.” – Judith Black